La Premier League: una delle competizioni più importanti del calcio estero

PremierLeague1. Storia della Premier League.
La Premier League rappresenta una delle massime competizioni del calcio internazionale, in questo caso, del calcio inglese. Nasce nel 1992, sulle ceneri della First Division, che fino a quel momento aveva caratterizzato la massima divisione inglese. La fondazione di una nuova massima categoria è dovuta alla carenza di spazi pubblicitari, che erano richiesti con maggiore insistenza da parte delle squadre che militavano nella categoria. Queste squadre si staccarono dalla First Division e decisero di andare a militare nella neonata Premier League, lasciando che la prima diventasse il corrispettivo della Serie B italiana.
2. Squadre storiche della Premier League.
La Premier League è composta da squadre che hanno fatto la storia del calcio internazionale ad altissimi livelli. Il Manchester United, l’Aston Villa, il Chelsea, l’Everton, il Liverpool, il Tottenham e l’Arsenal hanno partecipato a tutte le edizioni della competizione. Inoltre, il Liverpool, il Manchester United, il Nottingham Forest, il Chelsea e l’Aston Villa sono le squadre inglesi che sono riuscite a vincere una, o più, Champions League. Infine, il Manchester United è la squadra che è riuscita ad aggiudicarsi per più volte il titolo di Campione di Inghilterra, con ben tredici trofei.
3. La Premier League oggi.
L’attuale squadra campione d’Inghilterra è il Manchester City, che ha vinto la Premier League nella stagione 2013-2014. Rispetto alla stagione precedente, tre nuove squadre sono approdate nella massima divisione, ovvero, il Leicester, i Queens Park Rangers e il Burnley, mentre, il Fulham, il Cardiff City e il Norwich City sono retrocesse nella serie inferiore. Secondo l’attuale regolamento UEFA, le prime tre squadre classificate potranno partecipare direttamente alla Champions League, mentre, la quarta classificata, dovrà sostenere il turno preliminare.
4. Curiosità sulla Premier League.
All’interno della breve storia della Premier League si possono, comunque, riscontrare degli eventi interessanti e delle curiosità. Una di queste riguarda la quantità di reti subita da una squadra all’interno di una sola stagione. Nell’edizione del 1993-1994, lo Swindon Town incassò ben 100 goal, detenendo ancora oggi il record di goal subiti.

Advertisements

Milan, ore di mercato roventi

mario balotelli vicino al liverpoolA volte il calcio è imprevedibile e non soltanto quando si scende il campo, vedesi casa Milan in queste ore. Quando sembrava tutto finito, con l’ennesimo giocatore perso e solo qualche affare low cost da discutere, arriva il colpo di scena e tutte le carte vengono mischiate. Il colpo di scena si chiama Liverpool, il team inglese, secondo Calcio Mercato News 24, avrebbe nelle ultime ore lanciato l’attacco decisivo a Mario Balotelli.

L’attaccante rossonero sembrava ormai destinato a rimanere a disposizione di Filippo Inzaghi dopo il ritiro dell’Arsenal dalle trattative, avvenuto a seguito del pessimo mondiale brasiliano del giocatore, ma questa offerta del Liverpool porta nuovamente il giocatore verso la Premier League. In mattinata è sbarcato a Milano anche Mino Raiola, segno inequivocabile che l’affare è avviato, che sia società che giocatore nutrono una certo interesse per il trasferimento.

Interesse contraccambiato da Brendan Rodgers, che da tempo stima Super Mario e ha presentato sul tavolo di Adriano Galliani un’offerta di 22 milioni di euro, con la forma iniziale del prestito oneroso e con riscatto fissato al prossimo anno. Le parti non sono distanti, il Milan chiede 25 milioni cash e subito, ma le richieste per il giocatore potrebbero scendere verso un punto d’accordo. Se l’affare andasse in porto sarebbe sicuramente il colpo a sorpresa del calcio mercato italiano.

L’accordo andrà cercato su un trasferimento a titolo definitivo, probabilmente a qualche milione in meno dei 25 chiesti dal Milan. La vendita sbloccherebbe infatti la pista che porta a Cerci, con il Milan che avrebbe a disposizione il denaro per arrivare all’ala del Torino. Nelle ultime ore si è infatti riaperta la finestra di trattative con il presidente Urbano Cairo, dopo che l’Atletico ha frenato e rallentato l’affare.

Tra Cerci e il Milan c’è quindi il futuro di Mario Balotelli, l’ago della bilancia. Il mediatore? Un certo Mino Raiola, che in Italia è ben conosciuto per raggiungere qualsiasi obiettivo prefisso per i suoi assistiti.

Di certo c’è solo il fatto che il telefono di Adriano Galliani non è mai stato così rovente come in queste ore.

Crack Ronaldo

cristiano ronaldo infortunato nel match di supercoppa europeaUn infortunio di solito non fa notizie, è una cosa normale per un calciatore, ma quando a farsi male è Cristiano Ronaldo è tutt’altra cosa. E Carlo Ancelotti non è sembrato di certo tranquillo quando, nel match di andata della Supercoppa di Spagna, ha dovuto sostituire il suo asso per infortunio.

Il portoghese è infatti rimasto negli spogliatoi durante l’intervallo della partita, sostituito dal neo acquisto James Rodriguez. Per il numero 7 del Real si sospetta un problema muscolare, fortunatamente sembra essere un affaticamento al bicipite femorale sinistro, escluso dunque il tendine rotuleo del ginocchio, che gli aveva causato qualche fastidio al termine della scorsa stagione, pregiudicandone anche le prestazioni al Mondiale. La sostituzione pare esser stata una mossa preventiva da parte di Ancelotti, che lo ha tolto dal campo per evitare che il problema al muscolo potesse peggiorare. Oggi sono attesi ulteriori accertamenti, con la speranza che Ronaldo possa rientrare in tempo per la sfida di ritorno al Calderon, ancora da protagonista come nella Supercoppa Europea.

La sfida al Santiago Bernabeu, sullo 0-0 al momento della sostituzione di C.Ronaldo, si è poi conclusa 1-1. Il vantaggio è arrivato all’82, quando James Rodriguez insacca una respinta vacante in area, mettendo così a segno il suo primo goal al Real nella seconda apparizione ufficiale; il goal di James non è però bastato, perché sul finale di match il Real subisce il pareggio da calcio d’angolo, con amnesia difensiva generale che permette a Raul Garcia di mettere in rete solo davanti a Casillas.

Ora i Blancos sono chiamati a giocare una grande gara nel match di ritorno al Vincente Calderon, in cui sono obbligati a segnare almeno un goal per vincere la coppa. Di sicuro il reparto offensivo è all’altezza dell’impresa, con alcuni tra i nomi migliori al mondo, ma il contributo di C.Ronaldo sarà quanto mai fondamentale, come lo è stato nella Supercoppa Europea contro il Siviglia.

La sfida è lanciata. Il real vuole mettere le mani sul secondo trofeo stagionale per puntare all’en plein, l’Atletico medita ancora vendetta per la finale di Champions persa ai supplementari, e quale miglior occasione di questa?

Aggiornamenti calciomercato della Juventus

ijuveEcco le ultimissime di calciomercato della Juventus.
La stagione del calciomercato di quest’anno ha appena visto la partenza di Daniel Pablo Osvaldo che ha lasciato la Juventus per approdare all’Inter.
Il Vicenza calcio invece ha ingaggiato dalla Juventus a titolo temporaneo Matteo Gerbaudo.
All’Atalanta invece la Juventus ha ceduto in prestito i giocatori Spinazzola e Rossetti. Notizia ormai certa ma che manca ancora dell’ufficializzazione.
A quanto pare è incerto anche il futuro di Vidal che è nel mirino del Manchester United.
Tra i giocatori adocchiati dalla Juventus ci sarebbe Daniele Rugani, che andrebbe a sostituire Sorensen, ma l’Empoli si è effrettata a rispondere che non vuole cedere Rugani e che il sostituto di Sorensen la Juventus lo deve cercare altrove.
Un altro giocatore su cui ha posato gli occhi la Juventus è Shkrodan Mustafi ma per il momento non si sa nulla di più. A questo giocatore, tra l’altro, è interessato anche il Valencia.
Tra le mire della Juventus anche Javier Hernandez, attaccante del Manchester United.
La Juventus ed il Cordoba hanno ufficializzato il passaggio di Fauso Rossi al club spagnolo.
Un altro giocatore ceduto è Mauricio Isla che la Juventus ha ceduto al QPR (Queens Park Rangers).
La Juventus sta dietro anche a Lavezzi, ma c’è anche l’ipotesi del rientro di Gabbiadini che è gestito in comproprietà con la Sampdoria.
Tutte le news del calciomercato le trovate sul web, sul nostro sito!

Balotelli, il Galatasaray si fa sotto

balotelli al galatasaray

Dopo l’eliminazione dell’Italia dal Mondiale, con Mario Balotelli principale protagonista della disfatta, in casa Milan di certo non ridevano. L’attaccante italiano, che era ad un passo dall’Arsenal per 35 milioni di euro, si è trovato di colpo senza mercato o vendibile ad un prezzo molto al di sotto delle aspettative iniziali. Questo finché non è stato annunciato l’ingaggio di Cesare Prandelli al Galatasaray, momento nel quale si è subito capito dove sarebbe finito Mario Balotelli, era solo questione di tempo.

E neanche un tempo troppo lungo, perché secondo le ultime notizie di calciomercato milan ac la squadra turca sarebbe già pronta a presentare un’offerta. L’ex CT dell’Italia, che solo due giorni fa aveva dichiarato “Mario non è ancora un campione, ha solo qualche grande colpo in partita”, sembra quindi tornato sui suoi passi e pronto a riunirsi con il perno della sua ex squadra. Rendere Mario un campione potrebbe quindi essere la nuova missione di Cesare Prandelli, che avrà in questo modo il giocatore a disposizione tutti i giorni, potendo lavorarci in modo continuativo.

 

La società rossonera è pronta a privarsi del giocatore nel caso arrivasse un’offerta importante, che probabilmente non sarà di 35 milioni come prima del mondiale ma potrebbe assestarsi intorno ai 25-30 milioni. Mario, arrivato al Milan nel gennaio 2013, ha fatto ritorno nel campionato italiano di calcio serie a sfoderando 6 mesi sfavillanti, per poi rendere poco e male nell’ultima stagione, complice anche la crisi generale della squadra. Con la sua cessione la squadra non solo si libererebbe di un giocatore al momento “scomodo”, il cui ruolo vaga ancora tra il peso ed il campione, ma porterebbe nelle casse contanti preziosi che potrebbero essere poi investiti in 1-2 tasselli importanti.

Nella giornata di oggi la rosa del Milan si è radunata nel nuovo centro Casa Milan, occasione in cui è stato presentato anche il neo mister Filippo Inzaghi. Intervistato dai giornalisti Adriano Galliani non è entrato nel tema Balotelli, ma ha ribadito come l’intenzione del Milan sia di tornare da subito in Champions League. “Il mercato? Prenderemo un giocatore forte” – sono state le parole dell’Ad rossonero. Di sicuro non sarà il tanto seguito Iturbe, che sta per firmare con la Juventus per 25 milioni, ne il croato Mandzukic, che nella giornata di oggi ha fatto sapere di aver trovato l’intesa con l’Atletico Madrid di Simeone.

Intanto Balotelli prosegue le sue vacanze, il ritorno è previsto per il 22 luglio assieme agli altri giocatori che sono stati impegnati nel mondiale. Non resta che vedere se dall’aereo scenderà a Milano o in Turchia.

Calciomercato: cosa accade all’estero

offerta del real madrid per james rodriguez

Il mondiale è ormai prossimo alla sua conclusione, domenica ci sarà finalmente un vincitore nella finalissima Germania – Argentina e con la consegna della coppa entrerà finalmente nel vivo la stagione di calciomercato. Sia in Italia che all’estero sono partiti i primi boom di mercato, con alcuni grandi nomi coinvolti.

Proprio oggi Mario Mandzukic, seguito a lungo dal Milan, ha fatto sapere che firmerà con l’Atletico Madrid di Simeone. L’accordo è stato raggiunto per una cifra pari a 22 milioni ed il giocatore è già a Madrid per le visite mediche.
Il Milan vede tramontare anche la pista che porta a Juan Iturbe, pezzo pregiato del mercato italiano, che si accaserà alla Juventus per una cifra pari a 25 milioni di euro, con un contratto di cinque anni per il giocatore che andrà a percepire 1,5 milioni netti a stagione.
La trattativa che ha portato ad Iturbe in bianconero è stata una diretta conclusione del tramontato acquisto di Alexis Sanchez, che da oggi veste la maglia dell’Arsenal. Il cileno, che era in cima alla lista dei desideri di Antonio Conte, ha scelto come sua nuova casa Londra ed è oggi nella capitale inglese per sostenere le visite mediche. Al club catalano andranno 40 milioni di euro, al giocatore un contratto di 5 anni di 8 milioni a stagione (lo stesso percepito da Ozil).
Con i soldi percepiti per Sanchez il Barcellona si lancia alla caccia di un altro grande nome del mondiale brasiliano, un certo Luis Suarez. Sull’uruguayano pende una squalifica di 4 mesi a causa del morso rifilato a Chiellini nell’ultima partita del girone, ma questo non sembra frenare la società blaugrana, che per l’attaccante del Liverpool è disposta a spendere follie.

Si registrano movimenti anche nella Madrid campione d’Europa, dove il Real di Carlo Ancelotti ha ceduto Morata alla Juventus per 15 milioni di euro, soldi che verranno reinvestiti nella caccia a James Rodriguez, la stella colombiana del Mondiale brasiliano. La società madrilena è anche sulle tracce di Marco Verratti del PSG, fortemente voluto da Ancelotti, che il club parigino non sembra però disposto a mollare.

Real Madrid, Barcellona o ancora PSG, chi riuscirà a superare i 62 milioni di euro sborsati dal PSG per il cartellino di David Luiz? Un luglio che si preannuncia incandescente sotto il profilo delle trattative saprà presto darci risposta.

Il ritiro di Zanetti dal calcio disputato

zanetti si ritira

È difficile abbandonare il ruolo di capitano dopo aver indossato la maglia per diciannove anni: Javier Zanetti ha infatti deciso di ritirarsi dal calcio giocato, e probabilmente sarà vicepresidente dell’Inter.

La carriera del calciatore argentino Javier Zanetti nella squadra dell’Inter di Moratti è stata veramente notevole: durante i suoi diciannove anni di permanenza nella compagine milanese, infatti, il sudamericano si è messo in mostra per essere capace di affrontare con grande sportività e determinazione tutte le sfide che gli si sono parate dinanzi.

E in effetti, il nome di Javier Zanetti resterà sempre legato ad un ideale di calcio pulito e giocato con agonismo, senza quegli eccessi tipici di altri calciatori che nel rettangolo verde si sono sì distinti per talento, ma altrettanto, si sono fatti ricordare per incresciosi episodi sui quali è meglio stendere un velo pietoso.

Javier Zanetti è stato il capitano capace di trascinare la sua Inter verso buoni risultati, in grado di ritornare a giocare – nonostante un infortunio importante – per dare ancora il suo contributo in campo, per poi un giorno di maggio annunciare il suo ritiro dalle competizioni, venendo accolto da grandi dimostrazioni di affetto dei tifosi della sua squadra.

Nel futuro di Zanetti, secondo quanto riferito da Moratti, ci potrebbe essere la vicepresidenza dell’Inter: un ruolo sicuramente meritato dall’argentino!

by Melody Laurino